√ó
Corso di

Storia della Musica Contemporanea

Secondo semestre | Biennio


Docente Nicola Cisternino

TUTTI GLI AVVISI
Presentazione

Il corso di STORIA DELLA MUSICA CONTEMPORANEA 2 (Paesaggi Sonori e Design Acustico) è rivolto agli iscritti del Diploma Accademico di Secondo Livello e agli studenti di tutti gli indirizzi che desiderano approfondire le tematiche della disciplina attraverso l’iterazione in piena continuità con il corso del triennio di ARTI E MUSICHE CONTEMPORANEE (Storia della Musica Contemporanea 1).

Il corso rappresenta un percorso di conoscenza nella creazione artistico-spaziale e sonoro-musicale contemporanee costruito su itinerari tematici definiti, alla ricerca di relazioni e comparazioni (concettuali, di emancipazioni linguistiche ed estetiche, di diretta e originale creazione e produzione artistica) che rilevino ed evidenzino - in un ipotetico orizzonte metodologico - le sempre più emancipate e costituzionali interrelazioni tra l’occhio (categorie dello spazio-tempo) e l’orecchio (categorie del tempo-spazio) , ovvero fra le arti della visione - e dello spazio - e le arti dell’ascolto nel nostro tempo.

Programma

Gli obiettivi primari del corso sono la messa al centro dell’esperienza dell’ASCOLTO della vita sonora nella quale siamo immersi come esercizio consapevole nel PAESAGGIO SONORO per una diretta conoscenza e acquisizione di quei processi fondamentali e di quelle esperienze artistiche originali ed emancipate legate alle relazioni Arti/Musica - Occhio/Orecchio, Uomo/Ambiente dal sec. XX° ai nostri giorni; acquisire strumenti relazionali e sensibili per sviluppare la capacità di elaborare modelli analitici descrittivi e comparativi di queste esperienze al fine di ipotizzare e sperimentare eventuali possibili direzioni di studio e ricerca nella propria esperienza didattica e artistica.

Nel corso verranno inquadrate le tematiche fondamentali del Paesaggio Sonoro nelle sue varie configurazioni ed elaborazioni percettivo-cognitive, storiche e culturali. Dal Paesaggio Sonoro in quanto habitat acustico-ambientale analizzato nelle sue evoluzioni-trasformazioni storiche e produttive, elaborando modelli di analisi, categorie e classificazioni, al Paesaggio Sonoro in quanto habitat rielaborato e virtuale nella creazione sonoro-musicale degli ultimi decenni - con specifico riferimento alle tematiche Casualità/Ordine e Uomo-Natura-Ambiente – in quell’orizzonte che vede l’emancipazione suono-rumore definirsi linguisticamente dai primi esperimenti rumoristici, all’elettrificazione del suono, alla nascita e sviluppo della musica elettronica.

La prospettiva del Design acustico come arte dell’ascolto del mondo, in quanto consapevole ri-orchestrazione del Paesaggio Sonoro grazie allo stretto intreccio di arti e scienze, al fine di concepire il paesaggio sonoro come una immensa composizione musicale e un habitat più sostenibile e ospitale per le creature viventi, vero e proprio ‘Punto di svolta’ (con la definizione di Fritjof Capra) di un nuovo paradigma organico e cooperativo fra la specie umana e la natura, grazie al nuovo testo edito da Capra assieme al biologo Pier Luigi Luisi: Vita e Natura. Una visione sitemica.

Relativamente alla parte monografica, si proseguirà l’approfondimento delle tematiche suono-casualità-intreccio sincronico attraverso ulteriori riprese dell’opera di John Cage grazie alla recente pubblicazione italiana delle sue ultime conversazioni con Joan Retallack, affiancate alla ripresa dell’opera si Sylvano Bussotti, considerato il Cage italiano per la complessa interrelazione tra il suono e il segno grafico-scritturale delle sue partiture oltre alle sue visionarie invenzioni sceniche e di costume. Al tempo stesso, come già avvenuto negli anni precedenti, si arricchiranno alcuni momenti didattici con la presenza di interpreti e strumentisti con esecuzioni di musiche dal vivo e di entrare in relazione con esperienze (concerti, esposizioni...) presenti nel territorio coerenti con il progetto didattico del corso, oltre a varie forme di collaborazione con altri insegnamenti e progetti interni all’Accademia. Proseguirà e verrà potenziato inoltre, il rapporto convenzionato con la Fondazione Teatro La Fenice attivato dal 2004 che permette agli studenti del corso di partecipare in forme agevolate agli ascolti guidati e alle prove generali delle opere in cartellone e ad altri concerti programmati dal teatro veneziano.

L’esame, che può essere sostenuto nelle tre sessioni (estiva, autunnale, invernale) tenderà a rilevare il grado di conoscenza delle tematiche affrontate, la riflessione critica e le capacità di porre in relazione con queste tematiche la propria esperienza di studio e di ricerca artistica individuale, mirando all’elaborazione di specifici e originali progetti ed esperienze.

 

Bibliografia

Testi obbligatori:

R. Murray Schafer, Il Paesaggio Sonoro, Ed. BMG

John Cage, Musicage Conversazioni con Joan Retallack, Ed. Il Saggiatore

Sylvano Bussotti (a cura di Daniele Lombardi), Totale libertà, Ed Mudima

Capra Fritjof-Luisi P. Luigi, Vita e natura. Una visione sistemica, Aboca Edizioni

 

Testi a scelta:

Luigi Esposito, Un male incontenibile Sylvano Bussotti un artista incontenibile, Ed. Bietti

Renzo Cresti, Ragioni e sentimenti nelle musiche europee dall’inizio del novecento ad oggi, Ed. LIM (2 ed)

James Hillman, Il codice dell’anima, Ed. Adelphi

    “        “      , L’anima dei luoghi Conversazione con Carlo Truppi, Ed. Rizzoli

David Bohm, Sul dialogo, (a cura di Paolo Biondi), Ed. ETS

SCIENTIA matematica, fisica, chimica, biologia, astronomia Ed. Sironi

Materiale allegato