×


9th CEI Venice Forum for Contemporary Art Curators

Il Forum di Venezia si apre da sempre come spazio di aggiornamento dinamico su progetti di curatori ed artisti europei, mantenendo il suo sguardo vocazionale alle produzioni artistiche e curatoriali dell’Europa dell’Est.

Nello spirito di creare una possibile mappa “di anteprima” su ciò che sarà rilevante nel contesto del dibattito contemporaneo delle arti nel biennio 2019-2020, l’edizione di quest’anno tratterà il tema “Effervescible. Seeking Ongoing Relevancy.”

La possibilità di riunire molte e diverse voci dai relatori, alla ricerca di una determinazione attuale del principio di rilevanza ci sembra un tema molto sfidante che affidiamo quest’anno a curatori internazionali e a direttori di musei (tra di essi alcuni commissari e curatori dei Padiglioni nazionali) e quest'anno anche a giovanissimi curatori europei selezionati da una open call. 

Cerchiamo se c’è una definizione odierna condivisa di rilevanza. Lo facciamo nel campo dell’arte, ma nella società liquida di oggi la domanda di come si conduca oggi “una operazione selettiva nella distesa sconfinata dei fatti” (Giorgio Negrelli) è più generale e urgente. Il Forum di Venezia, se possibile, vorrebbe essere un laboratorio aperto per capire parametri, condizioni/ ampiezza degli ambiti e strumenti critici odierni per il rilevamento dell’importanza specifica di un fenomeno artistico rispetto a determinati fini cui è diretto o effetti che ne discendono.

Il Forum di Venezia viene organizzato dal 2003 dal comitato Trieste Contemporanea in co-operazione con l'Iniziativa Centro Europea (InCE), che lo include tra i suoi Feature Event. E' un evento del progetto Continental Breakfast. L'edizione 2019 è realizzata in collaborazione con l'Accademia di Venezia; con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, dell'InCE, della Regione del Veneto, del Comune di Trieste, dell'Università Ca' Foscari e dell'Accademia di Venezia, dell'Università di Trieste; con il contributo dell'InCE, della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia  e della Fondazione BEBA di Venezia; con le collaborazioni speciali di Juliet Magazine e la Compagnia della Vela di Venezia.

Ci si può iscrivere online  sulla pagina del sito di Trieste Contemporanea dedicata al Forum www.triestecontemporanea.it/


The 9th CEI Venice Forum for Contemporary Art Curators will be held at the Academy of Fine Arts in Venice on Thursday 9th May 2019, 2:30 – 6:30 pm.

Since 2003 the Forum has been a CEI Feature Event, under the patronage of the Central European Initiative. It is a biennial moment of encounter and exchange of curatorial practices among curators of contemporary art in Central Eastern Europe. The 2019 Forum will bring together national commissioners of the Biennale, museum directors, international art curators, contemporary art organisers, young curators and key figures for contemporary art institutions.

There is no fee for PARTICIPATION but you have to register online:
http://www.triestecontemporanea.it/form/CEI_form/form_e-mail_9thCEI.html

 
The Forum is a CEI Feature Event and a Continental Breakfast project.  |  It is conceived and organised by the Trieste Contemporanea Committee in cooperation with the CEI-Central European Initiative and in collaboration with the Academy of Fine Arts in Venice.  |  The event is being held under the patronage of the Regione del Veneto, the Trieste Town Council, the Ca' Foscari University and the Academy of Fine Arts in Venice, the University of Trieste.  |  It is supported by the CEI, the Autonomous Friuli Venezia Giulia Regional Council and the BEBA Foundation of Venice.  |  Special collaborations in Venice: Juliet Art Magazine, Compagnia della Vela.


 

PROGRAMME:

 

2:15–2:30 pm – registration

 

2:30–2:50 pm – welcome speeches and introduction

Giuseppe La Bruna, director of the Academy of Fine Arts, Venice

Paola Bristot, Academy of Fine Arts, Venice

Barbara Fabro, senior executive officer of the Central European Initiative

Giuliana Carbi, president of the Trieste Contemporanea Committee

 

2:50–3:45 pm – first session

Raluca Voinea, curator and art critic (Romania) – There is not (yet) too much (contemporary) art around

Neva Lukić, curator and writer (Croatia/The Netherlands) – Recognizing the Language

Beral Madra, director of BM Contemporary Art Center, Istanbul (Turkey) – Relevance of Truth in Contemporary Art

Ana Peraica, independent curator (Croatia) – 50 years of returning - new documents on Red Peristyle (1968)

Iara Boubnova, commissioner of the Bulgarian Pavilion, Biennale Arte 2019 (Bulgaria) – title to be confirmed

 

3:45–4:30 pm – second session

Paci Dalò Roberto, director, composer, visual and sound artist (Italia/San Marino) – Darkness Tales

Alicia Knock, curator of the Albanian Pavilion, Biennale Arte 2019 (France) – title to be confirmed

Janka Vukmir, director of the Centre for Contemporary Art, Zagreb (Croatia) – It is relevant to rebel

Maja Ćirić, independent curator (Serbia) – Game Changers & Changing Art Games

 

4:30–5:35 pm – third session: young curators voices (from the Trieste Contemporanea Open Call)

Nataša Radojević, art historian and curator (Serbia) – Western Balkans Visibility & Diversities in a global context: Memory. Trends. Future.

Thomas Ba, art curator (Italy) – Digital Phenomenology

Saimir Kristo, vice-dean of the Faculty of architecture and design, POLIS University, Tirana (Albania) – Behind Facades

Veronica Mazzucco, art curator (Italy) – title to be confirmed

Sabina Damiani, independent curator (Slovenia/Croatia) – Hybrid explorations: art as a vehicle to understanding environmental issues

Jakub Gawkowski, independent writer and curator (Poland/Hungary) – Where we all ride bamboo bicycles

 

5:35–6:20 pm – fourth session

Giulia Civardi, art curator (Italy) – Late to the party: on urgency

Chiara Ianeselli,PhD Researcher, IMT Lucca (Italy) – The Water Drop Effect

Matteo Binci, researcher and art curator (Italy) – Poor Images and Social Movements

Lucrezia Calabrò Visconti, independent curator (Italy) – Attentiveness: how to strike in the economy of presence

 

6:20–6:30 pm – closing discussion