×


Progetto Aziz

Presentazione libro di Abdelaaziz Aamri

Copertina di Wolfgang Beltracchi

MAI PIÙ QUI
LA FORZA DI RICOMINCIARE

Il carcere e la scuola, il racconto e il disegno, il riscatto e la speranza. Due mondi si incrociano e promuovono una società pacifica e inclusiva per uno sviluppo sostenibile. Nato dalle attività di Pesce di Pace,  il progetto è sostenuto da un Vescovo, un Imam e un Rabbino e prende vita in carcere, occasione preziosa per cambiare strada. Aziz, di origine marocchina, dopo aver voluto apprendere la lingua italiana ha scritto un libro di 25 racconti che riguardano la sua  vita e i suoi travagli, dall’infanzia, alla scuola, alle vicende che lo hanno portato al carcere, alla detenzione. A ognuno dei racconti si affianca un’illustrazione realizzata da 16 studenti dell’Accademia coordinati dai Proff. Diana Ferrara, Paolo Fraternali, Elena Molena, Luca Reffo, Andrea Serafini, e da studenti tunisini. La mostra delle 25 illustrazioni, a cura dei docenti Diana Ferrara e Luca Reffo, sarà allestita in una delle aule dell’Accademia, agli Incurabili (aula5). In occasione della presentazione, sarà presente il Console del Marocco, Almina Selmane. Progetto che si inserisce nel principio di rieducazione della pena (art. 27 della Costituzione e Stati Generali dell'Esecuzione penale) per sviluppare integrazione e capacità di resilienza per il detenuto Aziz.

PRESENTAZIONE libro di Abdelaaziz Aamri
Aula Magna Accademia di Belle Arti
Giovedì 23 maggio 2019, ore 12:00

Intervengono:

Luana Zanella
Presidente Accademia Belle Arti di Venezia

Giuseppe La Bruna
Direttore Accademia Belle Arti di Venezia

Alberto Folgheraiter
Giornalista

Paola Mar
Assessore al Turismo Città di Venezia

Nadia De Lazzari
Autrice del Progetto, Presidente Venezia Pesce di Pace

Studenti e Docenti

 

LA MOSTRA
LE PAROLE  E LE IMMAGINI
Aula 5

La mostra Le parole e le immagini a cura della prof. ssa Diana Ferrara e del prof. Luca Reffo in collaborazione con la prof. ssa Elena Molena, prof. Paolo Fraternali, prof. Andrea Serafini e Cristiano Vettore, è una selezione delle opere di studenti, designer, artisti e docenti dell’Accademia BB AA di Venezia e di Tunisi coinvolti del Progetto Aziz.

Il progetto espositivo, allestito negli spazi dell’Aula 5 della Scuola di Grafica d’Arte, attraverso incisioni, disegni e olii su tela, mira a tradurre per immagini scritti e memorie dal carcere, al fine di sensibilizzare la società all’esperienza invisibile del regime di detenzione.

La possibilità di una reciporoca relazione tra carcere e sistema scolastico, universitario e culturale vuole rinnovare il processo di rieducazione alla base dei valori umani e sociali condivisi e attraverso una condivisa presa di coscienza dar forma ad un dialogo per immagini.

 

Illustratori di Venezia e Tunisi:
Francesca Barichello | Anna Beatrice Basset | Nesrine Brahmi
Giorgia Campana | Mehdi Cherni | Greta Chiaravalle
Beatrice Dal Ben | Irene Di Oriente | Giacomo Gilli | Chiara Grazian
Emna Louati | Eya Matri Amina Methnani | Rosario Motta
Michela Perotello | Maria Pilotto | Cristina Roberta Pozzan
Beatrice Pra Floriani | Ilef Sebai | Daniela Squarzanti
Marco Tivelli | Sara Vianello | Valerio Kientz

Copertina di Wolfgang Beltracchi

Con la collaborazione di:

Casa Circondariale Spini di Gardolo (TN)

Arcivescovo di Trento

Rabbino Capo della Comunità Ebraica di Verona e Vicenza

Presidente COREIS Comunità Religiosa Islamica Italiana

 

Progetto orientato dallo Sviluppo Sostenibile Agenda 2030 ONU (Goals globali 4 e 16) e iscritto al Festival dello Sviluppo Sostenibile 2019

 

www.pescedipace.org​

Allegati