×

 Accademia di Belle Arti Venezia


Relazione, viva impressione: uno sguardo sul mondo dell’arte declinato attraverso processi emotivo/relazionali

Conversazione con: Giuseppe Barbieri, Riccardo Caldura, Bruno Racine

Relazione, viva impressione: uno sguardo sul mondo dell’arte declinato attraverso processi emotivo/relazionali

Progetto CONTINUUM di Penzo+Fiore per In-Edita 2
 

Giovedì 16 settembre 2021 – h. 18.00 – Forte Marghera
 

Conversazione con:

Giuseppe Barbieri, Direttore del Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali a Ca' Foscari

Riccardo Caldura, Direttore dell’Accademia di Belle Arti di Venezia

Bruno Racine, Direttore di Palazzo Grassi – Punta della Dogana


Ingresso libero su prenotazione obbligatoria scrivendo a: [email protected]

---

Nell'arte, così come nella letteratura "alte", diciamo così, l'emozione non è certo il motore primario che decreta la riuscita o meno di un'opera, eppure un'educazione emotiva è possibile solo affrontando e attraversando le arti, che storicamente occupano proprio quel crinale. Nell'arte contemporanea poi è successo qualcosa che ha spostato tutto verso la sfera razionale, pare, ma non è del tutto vero. Ci sono poi forme d’arte sempre più diffuse, magari difficili da ingabbiare ma vive e presenti, che insistono sugli aspetti relazionali dell’opera e dei processi che a partire da essa possono essere innescati. Pur non occupandosi direttamente di emozione, tali dispositivi creano le condizioni perché si dipanino processi complessi in cui l’emozione, ancor prima della sua strutturazione in sentimento, gioca un ruolo primario. Il pubblico stesso si trova a non contemplare l’opera nella sua enigmatica presenza, ma diventa parte attiva di piccole comunità estemporanee nate con lo scopo di intaccare ciò a cui si può direttamente attingere. Lo stesso processo Continuum, all’interno del quale si innesta la conversazione proposta, è inteso come pratica relazionale e formativa che parte da artisti e si rivolge ad una platea eterogenea. L’arte, poi, è in grado di sublimare l’emozione attraverso il concetto di agency, la capacità che l’essere umano ha di agire attivamente e trasformativamente nell’ambiente in cui è inserito.

Come tutto questo può declinarsi pensando all’arte che ci circonda? Ne discuteremo insieme a tre ospiti d’eccezione: Riccardo Caldura, nuovo Direttore dell’Accademia di Belle Arti di Venezia, da anni attivo nel territorio di Venezia Mestre e attento osservatore dei processi artistico/relazionali che si attivano anche tra nuovissime generazioni; Bruno Racine, attuale Direttore di Palazzo Grassi/Punta della Dogana, istituzione in grado di muoversi su un doppio crinale, internazionale e locale, in maniera estremamente agile ed efficace; Giuseppe Barbieri, Direttore del Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali a Ca' Foscari e ordinario di Storia dell’Arte Moderna presso la stessa università.

All’interno del più ampio progetto In-Edita 2, proposto da Marina Bastianello Gallery, Galleria Alberta Pane e Ikona Gallery, gli artisti Penzo+Fiore hanno proposto la propria progettualità di indagine Continuum, che consiste nell’accompagnare i 14 artisti in residenza attraverso un percorso esperienziale che assume carattere pubblico durante i talk.

“L’attitudine allo sguardo pensante che si interroga sulla natura dell’uomo è il punto di osservazione privilegiato nei progetti di Continuum, proprio per la costante ricerca di quel senso a cui è possibile arrivare solo attraverso le idee di indagine, narrazione, relazione”. [Penzo+Fiore, 2012].